Attività fisica sì, ma non solo “per sport”… Ecco qualche trucco per non perdersi gli allenamenti in palestra o all’aperto e prendersi un regolare impegno di salute e benessere con se stessi per tutto l’anno.

Andare in palestra o praticare altre attività motorie è un appuntamento con se stessi, dedicato alla propria salute, ma purtroppo sappiamo tutti che spesso le occupazioni e gli imprevisti quotidiani ci spingono a far slittare all’ultimo posto il nostro impegno di benessere… e a saltare l’allenamento! Quante volte vi è già successo?!
Dal saltare una lezione al saltare interi mesi il passo è breve e le ripercussioni negative sul nostro organismo, sull’umore e sulla lucidità della nostra mente, privati di un sano movimento, purtroppo si fanno sempre sentire.

Come uscire da questo circolo vizioso? Abbiamo elaborato qualche proposta per voi!

Condividere l’impegno

Il sistema più semplice è condividere l’impegno con un’altra persona: potrebbe essere il proprio partner, che ci spinge e ci aiuta a non saltare neanche un allenamento, oppure un compagno o una compagna di corso, con cui ricordarsi reciprocamente l’impegno preso, soprattutto nei momenti di difficoltà.
È fondamentale che entrambi siano complici nel considerare prioritario l’impegno della salute.

Programmare la settimana

Per organizzarsi al meglio è bene anche programmare le proprie settimane per iscritto su un’agenda, dedicando al movimento fisico il posto che merita, senza mai darlo per scontato! In questo modo la nostra mente verrà automaticamente indotta a organizzarsi senza considerare l’allenamento un optional.

Scrivere il proprio obiettivo

Per mantenere un impegno, funziona molto bene avere sempre chiaro il motivo per cui lo si è preso. Per stimolarsi a frequentare regolarmente gli allenamenti, si può scrivere su un foglio, da tenere sempre sotto gli occhi – magari sulla scrivania o in automobile o appeso al frigo – un obiettivo che si vuole conseguire al termine dell’anno sportivo.
Per esempio: “Voglio che il mio corpo diventi così flessibile da riuscire a piegarmi in avanti a gambe tese e toccare terra con i palmi delle mani”; oppure: “Voglio dimagrire 10 chili”; o ancora: “Voglio riuscire a correre mezz’ora di seguito”.

Pagare in anticipo

Prendersi l’impegno di salute con se stessi significa dare valore al tempo che si trascorre “in movimento”: due volte al mese non cambia la vita, due volte a settimana già fanno sentire i benefici…
Dopo due anni di esperienza nella gestione di una propria palestra e con decine di anni di esperienza collettiva dei propri istruttori, il contributo che Strada Facendo può dare in questo senso è quello di stimolare la partecipazione ai corsi in palestra creando vincoli concreti. Abbiamo notato che le raccomandazioni degli istruttori non sono sufficienti: per questo dall’anno sportivo 2015/’16 abbiamo previsto il pagamento trimestrale anticipato. Non vogliamo omologarci alle palestre che, per meri motivi di gestione economica, obbligano gli iscritti al pagamento mensile con carta di credito, ma crediamo che uno stimolo più concreto sia d’obbligo per consentire ai nostri iscritti di sperimentare realmente i benefici dell’attività fisica.
Abbiamo già sperimentato con successo questa formula con i workout Nordic Walking: da quando abbiamo introdotto le tesserine da 5 lezioni valide due mesi, anziché lasciare libera la frequenza, il tasso di partecipazione è notevolmente aumentato!

Ci auguriamo che, nel complesso, le strategie qui suggerite aiutino ogni nostro socio a sperimentare i benefici di un’attività fisica regolare!

Leave a Reply

Your email address will not be published.